Rimini: Offre cocaina a due giovani agenti: arrestato per spaccio, lesioni personali e resistenza

polizia notte 1' di lettura 31/07/2020 - La Polizia di Stato di Rimini, nella serata di giovedì, ha tratto in arresto un cittadino nigeriano di 21 anni, irregolare sul territorio italiano, resosi responsabile di spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza a P.U. e lesioni personali.

Erano circa le 23.10 quando due agenti, mentre transitavano liberi dal servizio su lungomare Tintori notavano un cittadino extracomunitario avvicinarsi e offrire loro della sostanza che riferiva essere cocaina. Dopo aver invitato i due poliziotti a seguirlo in spiaggia, il soggetto gli ha mostrato tre involucri di cellophane termosaldati di piccole dimensioni richiedendo per il pagamento della sostanza la somma di 50 euro. Gli agenti si sono subito qualificati, ma subito il 21enne si è dato alla fuga, gettando i due involucri di cui era rimasto in possesso. Il 21enne prontamente raggiunto e bloccato ha cominciato a sferrare calci e pugni colpendo allo zigomo uno dei colleghi e recandogli lesioni guaribili in 3 giorni.

Con l’ausilio di una volante accorsa in aiuto dei colleghi lo straniero, con già a suo carico precedenti per spaccio, è stato tratto in arresto. Sottoposto a rito direttissimo nella mattinata di venerdì è stato condannato alla pena di 9 mesi di reclusione con contestuale sospensione della pena.






Questo è un articolo pubblicato il 31-07-2020 alle 14:05 sul giornale del 01 agosto 2020 - 180 letture

In questo articolo si parla di cronaca, emilia romagna, notizie, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bsar