Ferrara: Controlli in zona "GAD": pericoloso e con precedenti, revocato il permesso di soggiorno ed espulso

polizia volante 2' di lettura 10/09/2020 - La Polizia di Stato sta attenzionando più incisivamente la zona di  Piazzetta Castellina e Toti, al fine di realizzare una maggiore tranquillità sociale e garantire il vivere ordinato dei cittadini che vi risiedono.

Questi gli ultimi risultati: 134 persone identificate risultate regolari, 29 veicoli controllati, 12 esercizi commerciali controllati.

Nella giornata di mercoledì il personale della Polizia di Stato, unitamente all'unità cinofila della Polizia Municipale, ha effettuato numerosi controlli nell’area sopraindicata al fine di prevenire ed evitare assembramenti di cittadini extracomunitari, che senza alcuna ragione bivaccano all’interno del parco Toti e zone limitrofe, spesso in stato di alterazione psicofisica dovuto all’assunzione di bevande alcoliche.

A un cittadino nigeriano di 27 anni è stata disposta la revoca del permesso di soggiorno per motivi umanitari, dopo il diniego della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale per il venir meno dei requisiti necessari per tale riconoscimento e per gravi motivi di ordine e sicurezza pubblica.

Tale revoca trae origine dalla manifesta pericolosità sociale e dalla pluralità di precedenti e condanne per reati predatori e spaccio di sostanze stupefacenti che si frappongono in palese contrasto con le finalità di integrazione e di protezione. Al cittadino extracomunitario è stato consegnato e notificato il provvedimento di diniego e munito di provvedimento di espulsione con l’invito a lasciare il territorio nazionale entro 7 giorni.

Il personale della Divisione Polizia Amministrativa e di Sicurezza ha effettuato verifiche nei confronti di vari esercizi commerciali del centro cittadino per il rispetto delle norme in tema di vendita di bevande alcoliche, ovvero in materia di normative contro la diffusione del Coronavirus Covid-19.

In questo ambito, il personale della Squadra Amministrativa della PAS, durante un controllo all’interno di un'attività di parrucchieria in Via Garibaldi, gestita da una cittadina cinese, riscontrava che una dipendente, addetta al lavaggio dei capelli, non indossava il dispositivo di protezione della mascherina.

Per tale mancanza la dipendente veniva sanzionata amministrativamente a norma dell’art. 4 del D.L. 19/2020.

Il personale della Squadra Volante rinveniva nelle vicinanze di via Rampari di San della sostanza stupefacente di tipo marijuana pari a circa 2 grammi.






Questo è un articolo pubblicato il 10-09-2020 alle 15:51 sul giornale del 11 settembre 2020 - 160 letture

In questo articolo si parla di cronaca, romagna, articolo, niccolò staccioli, polizia volante

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bvA0