Ferrara: Stalking nei confronti di una ex, l'ammonimento del Questore che ricorda: "Denunciate!"

2' di lettura 15/10/2020 - Il provvedimento dell’Ammonimento, come misura di prevenzione, pone ancora una volta un qualificato freno agli atti persecutori.

Una donna 49enne riferiva di aver intrattenuto una relazione sentimentale con un uomo 43enne, per circa due anni. Nell’ultimo periodo decideva di interrompere il loro legame a causa dei continui litigi per futili motivi e scenate di gelosia senza ragione.

Il compagno, non rassegnato, cominciava a pedinarla, spiarla e ad appostarsi fuori dalla sua abitazione e luogo di lavoro, nonché a mandarle messaggi nella sua email dal tenore intimidatorio con la pretesa di una risposta, altrimenti l’avrebbe aspettata sotto casa. In una circostanza l’aveva minacciata che se l’avesse vista in giro con qualcuno avrebbe picchiato entrambi.

Iniziava per la vittima un doloroso periodo di perdurante e grave stato di ansia, paura e timore per la propria incolumità, costretta a muoversi in compagnia per paura di incontrare il suo ex compagno.

Ricevuta la segnalazione, dall’Arma dei Carabinieri, la Divisione Polizia Anticrimine della Questura, Ufficio specializzato nella trattazione di casi di stalking e violenza di genere, iniziava gli accertamenti finalizzati a riscontrare oggettivamente le dichiarazioni della parte offesa.

Al termine dell’attività istruttoria, il Questore emetteva il provvedimento dell’“Ammonimento”, intimando allo stalker di interrompere ogni tipo di contatto e condotta lesiva.

La violazione dell’Ammonimento comporta l’avvio di un procedimento penale d’ufficio e l’aggravamento della pena.

Il Questore, rammenta tra gli strumenti elaborati dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, per segnalare questi fenomeni, l’applicazione “YOUPOL”, facilmente scaricabile da internet sul proprio smartphone, la quale permette di segnalare con messaggi mirati o chiamate di emergenza qualsiasi forma di violenza domestica anche senza recarsi in un Ufficio di Polizia.

L’App Youpol, realizzata dalla Polizia di Stato per segnalare episodi di spaccio e bullismo, viene estesa anche ai reati di violenza che si consumano tra le mura domestiche.

L'estensione dell'applicazione a questo tipo di reati è un ulteriore passo in avanti per contenere alcuni fenomeni che, in questo periodo di emergenza per il Coronavirus nel quale siamo costretti alla forzata permanenza in casa, potrebbero avere un incremento.

L’app è caratterizzata dalla possibilità di trasmettere in tempo reale messaggi ed immagini agli operatori della Polizia di Stato; le segnalazioni sono automaticamente georeferenziate, ma è possibile per l’utente modificare il luogo dove sono avvenuti i fatti.

È inoltre possibile dall'app chiamare direttamente la sala operativa 113 della Questura.

Per chi non vuole registrarsi fornendo i propri dati, è prevista la possibilità di fare segnalazioni in forma anonima.

Anche chi è stato testimone diretto o indiretto - per esempio i vicini di casa - può denunciare il fatto all’autorità di polizia, inviando un messaggio anche con foto e video.

Ricorda il Questore: “Aiutateci ad aiutarvi. Denunciate sempre”.






Questo è un articolo pubblicato il 15-10-2020 alle 16:29 sul giornale del 16 ottobre 2020 - 160 letture

In questo articolo si parla di cronaca, romagna, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/byH8