Ferrara: Offre droga ad un agente in borghese arrestato dalla Polfer

2' di lettura 10/01/2021 - Nella giornata di sabato un poliziotto in borghese, in servizio presso il posto di Polizia Ferroviaria, mentre percorreva il primo binario per rientrare in ufficio ha notato un gruppo di cittadini extracomunitari seduti su un marciapiede adiacente il bar del D.L.F.

Un paio di questi cercavano con lo sguardo e con dei cenni di attirare l’attenzione dell’agente con l’evidente tentativo di stabilire un contatto. Poco dopo lo hanno avvicinato e proposto l’acquisto di sostanze stupefacenti, che l’agente ha rifiutato. Il poliziotto, atteso che i due pusher continuavano nella loro opera, è entrato in un bar per non destare sospetti e informare i colleghi di quanto stava accadendo e che si sarebbe diretto verso i bagni della stazione.

Giunto nei pressi dei bagni, sempre seguito dai due giovani extracomunitari e, monitorato dai colleghi a debita distanza, si è diretto all’interno della toilette immediatamente raggiunto da uno dei due, che gli ha chiesto 50 euro offrendogli una busta contenente presumibilmente marjiuana che nel frattempo aveva estratto dalla tasca del giubbino.

Qualificatosi come agente di Polizia ha quindi bloccato il pusher il quale nel vano tentativo di guadagnarsi la fuga, ha reagito colpendo l’agente con calci, ginocchiate e gomitate e cercando anche di disfarsi della sostanza lanciandola nel wc. L’immediato intervento degli altri agenti ha permesso di immobilizzare il giovane e arrestarlo. Recuperata la sostanza lo straniero è stato accompagnato negli uffici della Polfer per la sua identificazione e perquisizione personale, che ha dato esito positivo in quanto è stato trovato in possesso di un cacciavite e di una somma di denaro, il tutto unitamente alla sostanza stupefacente, di circa 8 grammi di marijuana, è stato sottoposto a sequestro. Al termine delle formalità di rito è stato tratto in arresto per di spaccio di sostanze stupefacenti e per violenza e resistenza a Pubblico ufficiale nonchè denunciato per possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere. Su disposizioni del magistrato di turno è stato sottoposto a regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione in attesa del rito direttissimo. L’esito dell’udienza ha determinato la condanna a mesi 8 e giorni 10 di reclusione con l’emissione della misura cautelare del divieto di dimora a Ferrara.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Ferrara.
Per Telegram cercare il canale @vivereferrara o cliccare su https://t.me/vivereferrara

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/vivereferrara/






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-01-2021 alle 19:02 sul giornale del 11 gennaio 2021 - 121 letture

In questo articolo si parla di attualità, emilia romagna, notizie, Sara Santini, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bII6