Rimini: Scippa una donna e se ne pente. Chiama il 112: “Sono stato io, mi dispiace”

polizia 113 1' di lettura 04/05/2021 - Una giovane donna riminese, mentre passeggiava con un’amica in via Marconi, è stata affiancata da una persona a bordo di una bicicletta. L’individuo ha afferrato repentinamente la borsa che portava in spalla, colpendola con una gomitata al braccio sinistro per guadagnarsi la fuga.

Vano il tentativo da parte della donna di inseguirlo per recuperare la borsa perché il malvivente è riuscito a dileguarsi in pochi secondi.

All’interno della borsa c’erano il portafoglio con pochi contanti, documenti e il suo cellulare.

Neanche un’ora dopo il fatto è arrivata alla Sala Operativa della Questura una telefonata proveniente dal cellulare appena rubato: era il rapinatore che voleva costituirsi.

L’uomo, un 30enne di origine pugliese, senza fissa dimora, ha riferito di essere l’autore della rapina avvenuta poco prima e di essersi pentito del gesto fatto spinto dal bisogno di comprarsi qualcosa da mangiare. Presentatosi in Questura, l’uomo ha riconsegnato il cellulare rubato e ha indicato agli agenti delle volanti il luogo esatto dove aveva gettato la borsa.

Dopo aver consegnato tutto il maltolto alla vittima e il reo confesso è stato denunciato in stato di libertà per il reato di rapina impropria.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Rimini.
Per Whatsapp aggiungere il numero 376.0317899 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivererimini o cliccare su t.me/vivererimini.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/vivererimini/ e Twitter: https://twitter.com/Vivererimini






Questo è un articolo pubblicato il 04-05-2021 alle 12:58 sul giornale del 05 maggio 2021 - 122 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, emilia romagna, notizie, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b1EQ