Smantellata intera filiera dedita alla contraffazione e vendita di giocattoli Lego. Sequestri a Reggio Emilia

2' di lettura 14/05/2022 - La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Reggio Emilia ha condotto nei giorni scorsi un articolato intervento di polizia economico finanziaria, a tutela del marchio e della sicurezza prodotti.

In particolare, è stata ricostruita la filiera di confezionamento, apposizione del logo contraffatto e vendita di giocattoli a marchio “LEGO”.

Infatti, la preliminare attività di intelligence condotta sul territorio dai militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria ha portato le fiamme gialle reggiane ad individuare un negozio di giocattoli a Fogliano (RE), che esponeva in vetrina cosiddette “minifigures” a marchio “LEGO”, non presenti nel catalogo della multinazionale dei giocattoli a mattoncini, oltre a non riportare sulle confezioni l’apposito marchio di sicurezza CE.

Il negozio in questione, il cui titolare è un soggetto di origine veronese, è una delle 4 unità locali di una società con sede legale in Veneto. Le ulteriori 3 unità locali (costituite da altrettanti negozi) sono ubicate sempre nella stessa regione.

Attivati quindi i Reparti delle Fiamme Gialle competenti sul territorio, nell’ambito di un simultaneo servizio di polizia economico-finanziaria, si è proceduto a controllare la regolarità dei prodotti, riscontrando sia l’assenza del marchio CE – in difetto, quindi, di un requisito fondamentale per la sicurezza del prodotto stesso, destinato perlopiù a bambini – che la messa in commercio di prodotti effettivamente contraffatti.

In particolare, fra le “minifigures” maggiormente presenti fra quelle poste in vendita illecitamente, sono state rinvenute e sequestrate quelle raffiguranti personaggi dello spettacolo di fama nazionale e internazionale (per citarne solo alcuni: i membri della band italiana Mäneskin, Vasco Rossi, Ligabue, Michael Jackson, Donald Trump), nonché di Carabinieri e Alpini.

Nel corso delle operazioni, a seguito dell’esame della documentazione fiscale relativa all’acquisto dei prodotti ed alla raccolta di testimonianze di terzi, si è stati in grado di risalire alla filiera di approvvigionamento, giungendo a eseguire una perquisizione locale presso un fornitore della bergamasca e da lì, presso la dimora di un terzo soggetto che materialmente realizzava le “minifigures” contraffatte.

Quest’ultimo, un tassista residente in provincia di Lucca, è stato trovato in possesso di un vero e proprio laboratorio dedicato all’attività illecita, con strumentazione destinata alla creazione ad hoc di stampiglie da applicare sui famosi mattoncini “LEGO”, con modalità seriali e condotta anche in totale evasione d’imposta.

L’attività di servizio ha complessivamente consentito di sequestrare amministrativamente, per violazioni al codice del Consumo (con relativa segnalazione alle competenti Camere di Commercio) di n. 900 “minifigures”, di cui 761 sequestrate anche penalmente in quanto contraffatte ed individuare al momento tre responsabili, segnalati all’Autorità giudiziaria per contraffazione prodotti.

Presso il soggetto toscano produttore, è stato rinvenuto e sottoposto a sequestro penale sia materiale di produzione rappresentato da moduli per la stampa laser, che semilavorati destinati alla cessione ai commercianti veneti e reggiani.








Questo è un articolo pubblicato il 14-05-2022 alle 13:32 sul giornale del 16 maggio 2022 - 142 letture

In questo articolo si parla di cronaca, emilia romagna, notizie, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c7ua





logoEV