Ravenna: Furti in abitazione: dopo gli arresti proseguono controlli e denunce della Polizia

2' di lettura 19/06/2022 - Nell’ambito di articolate attività coordinate dalla Procura della Repubblica di Ravenna finalizzate al contrasto della criminalità predatoria, e in seguito agli arresti eseguiti dalla Polizia di Stato nella notte del 14 maggio nei confronti di cinque cittadini albanesi per furti in abitazione, sono proseguite le indagini al fine di disarticolare il sodalizio criminale costituito da altri connazionali domiciliati in zone periferiche della città.

Nella giornata del 14 giugno scorso gli investigatori della Squadra Mobile hanno perquisito un’abitazione a Ghibullo e una struttura ricettiva poco lontana dove sono stati identificati quattro cittadini albanesi.

Nell’occosione sono stati recuperati alcuni orologi e alcune monete da collezione (in particolare 500 lire d’argento) di presunta provenienza furtiva e una modica quantità di hashish.

Nel corso dell’operazione tre di loro sono stati denunciati per il reato ricettazione, di cui uno è stato anche arrestato perché rientrato in Italia senza la prevista autorizzazione dopo essere stato espulso, mentre il quarto è stato denunciato per inottemperanza al foglio di via dal Comune di Ravenna.

Agli esiti degli accertamenti dell’ufficio Immigrazione, il Questore di Ravenna Giusi Stellino ha emesso nei confronti di due di loro, l’ordine di allontanamento dall’Italia in relazione all’espulsione del Prefetto.

Le successive verifiche hanno permesso ai poliziotti di individuare un altro casolare nelle campagne della limitrofa provincia di Ferrara, ove i restanti componenti del gruppo avevano trovato rifugio.

Pertanto, nella giornata di ieri, gli investigatori della Squadra Mobile di Ravenna e Ferrara hanno effettuato un blitz, che ha consentito di identificare gli ultimi tre appartenenti al sodalizio nonché di recuperare alcune monete antiche e qualche capo di abbigliamento di presunta provenienza furtiva.

Inoltre, a ulteriore conferma dell’attività illecita dei soggetti indagati, sono stati rinvenuti e sequestrati due “kit” di strumenti per l’effrazione.

In questo contesto altri quattro cittadini albanesi sono stati denunciati per ricettazione, due dei quali sono stati inoltre arrestati perché rientrati in Italia senza la prevista autorizzazione dopo essere stati espulsi.

A seguito degli accertamenti svolti dall’Ufficio Immigrazione di Ferrara, a carico di due di loro il Questore ha emesso l’ordine di allontanamento dal Territorio Nazionale su conforme provvedimento di espulsione del Prefetto.

Le persone arrestate sono state messe a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Le indagini proseguono al fine di permettere il rintraccio dei proprietari della refurtiva.








Questo è un articolo pubblicato il 19-06-2022 alle 11:57 sul giornale del 20 giugno 2022 - 130 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dbTj





logoEV