SEI IN > VIVERE EMILIAROMAGNA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

FOTO | VIDEO | A Bologna i funerali di sette vittime del naufragio di Cutro: “La nostra umanità seppelita con loro”

7' di lettura
40

BOLOGNA - Avevano dai 2 anni e mezzo agli 85 anni le sette vittime del naufragio di Cutro giunte a Bologna, i cui funerali si sono svolti oggi al cimitero islamico di Borgo Panigale.

Provenivano tutte dall'Afghanistan ed erano "una madre con due figli, un signore con la moglie, il figlio nato nel 2013 e la mamma", riferisce il presidente dell'Unione delle comunità islamiche d'Italia Yassine Lafram, che ha officiato il rito alla presenza di 15 familiari giunti proprio da Cutro per assistervi. "Oggi stiamo seppellendo una madre con due figli, stiamo cercando ancora il marito. Stiamo seppellendo un signore con la moglie e il figlio, nato nel 2013, e la mamma. Immaginate questi drammi familiari, intere famiglie cancellate e che oggi, ahimè, non possiamo che seppellire. Siamo riconoscenti a queste famiglie che hanno scelto di venire a seppellire i propri cari qui a Bologna, perché questo gesto possiamo dire che in qualche modo ci restituisce un po' di umanità, a noi, ma una parte della nostra umanità l'abbiamo seppellita oggi con queste famiglie. Questo non lo possiamo negare". Sono queste le prime parole di Lafram durante la cerimonia funebre delle sette vittime della strage di Cutro e trasferite a Bologna nella giornata di ieri. https://vimeo.com/806860488 "La comunità islamica di Bologna ha voluto celebrare questo rito funebre islamico per le vittime del naufragio di Cutro, perché in qualche modo ci sentiamo corresponsabili di quello che è successo. Noi non non scarichiamo le colpe addosso a nessuno, ma sappiamo che ognuno di noi deve fare la sua parte affinché queste tragedie cessino - prosegue Lafram - non è possibile ancora oggi, nel 2023, che alle porte delle coste europee, a 100 metri da una costa europea, possano morire così tante persone". Lafram, che ha celebrato il rito islamico in forma comunitaria di preghiere ed invocazioni, con i partecipanti disposti in file parallele in direzione della Mecca, riflette sul tema delle morti in mare, che "sicuramente richiamano le nostre coscienze. Io mi chiedo noi come comunità islamica, se abbiamo fatto abbastanza e se abbiamo fatto abbastanza la nostra parte, perché questo non accada mai più. Questa è la domanda che ci poniamo e questa cosa, ovviamente in qualche modo ci fa sentire che siamo colpevoli in un modo o nell'altro". Con una considerazione amara sulla risposta alla tragedia. Non rabbia, "quanto per noi il senso di indifferenza che abbiamo toccato con mano da parte di alcuni che hanno reagito a questa strage. In queste stragi non tengono tanto i discorsi geopolitici. Bisogna tirare fuori un po' di umanità", conclude Lafram, ringraziando "la Prefettura di Crotone, il Comune di Bologna, la Regione per i grandi sforzi che hanno messo in campo e un insieme di operatori che hanno assicurato la permanenza dei parenti qui a Bologna per poter dare un saluto finale ai propri cari". OTTO BUCHE PER SETTE SALME Insieme a loro, il sindaco Matteo Lepore, l'assessore regionale al Welfare Igor Taruffi e l'artista Alessandro Bergonzoni. Le buche saranno però otto. "Noi oggi abbiamo sette salme, ma stiamo scavando otto buche perché ci è stato chiesto espressamente da un parente di lasciare una buca libera - prosegue Lafram - se domani il mare dovesse restituirci il corpo del marito (della prima vittima, ndr), abbiamo dove seppellirlo vicino alla moglie e alle due figlie". Nel corso della cerimonia, il presidente Ucooi spiega anche che "nei giorni passati ho cercato di mediare con le famiglie insieme alla Prefettura di Crotone, proprio per rassicurarli su quello che è il rito funebre islamico. Sul fatto che tutto quello che loro chiedono come famiglie verrà soddisfatto. Di conseguenza ci siamo comportati. Oggi stiamo cercando di soddisfare tutte le loro esigenze perché giustamente dobbiamo seppellire i loro cari. Loro hanno accettato comunque di lasciare i loro cari qui a Bologna". A tal proposito, "ho preso un impegno con queste famiglie, ho firmato anche una lettera di mio pugno, dove ho assicurato loro che i loro familiari saranno seppelliti per sempre qui, che le loro ossa rimarranno sempre qui, all'interno del perimetro del cimitero islamico e che non verranno trasferite altrove né cremate", conclude Lafram. IL SINDACO LEPORE: "MOLTO DA DIRE SUL NAUFRAGIO MA OGGI RISPETTO" "Io ho molte cose da dire sulla vicenda di Cutro, ma lo dirò nei prossimi giorni perché penso che oggi sia il momento del cordoglio e credo che oggi non dobbiamo lasciare spazio alle polemiche o diversità di vedute". In occasione della cerimonia funebre delle sette vittime del naufragio di Cutro giunte a Bologna, il sindaco Matteo Lepore stoppa le polemiche e chiede "silenzio e rispetto", per essere accanto ai familiari delle vittime. A tal proposito, riferisce ancora il sindaco prima della cerimonia al cimitero islamico di Borgo Panigale, "abbiamo accolto una quindicina di familiari, mentre sette per ora sono le salme che sono arrivate". Non è da escludere che nei prossimi giorni arrivino anche altre salme. "Abbiamo chiesto che Bologna possa accogliere solo salme autorizzate dai familiari. Poi ci sono sicuramente anche purtroppo, persone non identificate, quindi è possibile che arrivino nei prossimi giorni anche persone che ancora non hanno identità". Ancora però nessuna certezza. "Tutto però è veramente gestito dal Governo e dalle prefetture, quindi noi ci siamo messi al servizio di una situazione che si è creata". In ogni caso, "Bologna è una città accogliente, solidale e abbiamo cercato di fare quello che abbiamo sempre fatto e continueremo a fare essere come esseri umani - sottolinea il primo cittadino - voglio ringraziare da questo punto di vista tutte le persone che in queste ore ci hanno dato una mano per l'accoglienza dei familiari, senza chiedere niente". Inoltre, "domani saremo rappresentati dal consigliere Detjon Begaj che con fascia tricolore alla manifestazione che l'Arci e tanti movimenti hanno promosso a Cutro", conclude Lepore. L'ASSESSORE TARUFFI: "QUALCUNO SI DEVE ASSUMERE LA RESPONSABILITÀ" "Per noi era un dovere oggi essere qui per manifestare vicinanza e cordoglio alle vittime di una strage che interroga le coscienze di tutti, in Italia e anche in Europa". Sono le parole dell'assessore al Welfare della Regione Emilia-Romagna Igor Taruffi a margine del funerale delle sette vittime del naufragio di Cutro giunte a Bologna ieri e per le quali oggi si è svolta la cerimonia funebre al cimitero islamico di Borgo Panigale. "Oggi non è il momento delle polemiche, non è il momento di fare discussioni, è il momento di stare vicino ai familiari - prosegue Taruffi - avremo tempo per esprimere con più compiutezza quello che pensiamo. Sicuramente, però rimane il fatto che è una strage che interroga tutti quanti noi e credo che sia giusto, doveroso, anche e soprattutto nei confronti delle vittime, accertare tutte le responsabilità, fare massima chiarezza perché di questo abbiamo bisogno. Non possiamo far finta che non sia successo nulla". Proprio per questo, osserva l'assessore, "credo anche che qualcuno debba poi assumersi anche le responsabilità e trarre le conseguenze di quanto è successo". In ogni caso, "l'Emilia Romagna è una terra di accoglienza. Continueremo a dare un contributo per dare una sistemazione e dare una possibilità di futuro alle persone che stanno arrivando - assicura Taruffi - siamo la regione che sta accogliendo di più in termini assoluti tra quelle italiane, continueremo a farlo perché l'Emilia Romagna è questa terra d'accoglienza e di solidarietà".


Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 11-03-2023 alle 10:13 sul giornale del 11 marzo 2023 - 40 letture






qrcode