SEI IN > VIVERE EMILIAROMAGNA > CRONACA
articolo

Ravenna: Condotte persecutorie commesse nei confronti dell'ex compagna., disposta la sorveglianza Speciale

2' di lettura
86

Nell'ambito della quotidiana attività di prevenzione e contrasto alla violenza contro le vittime vulnerabili, la Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Ravenna ha sottoposto un uomo alla Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza per la durata di un anno con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza, in quanto responsabile di gravi condotte di maltrattamenti nei confronti dell’ex compagna.

La misura di prevenzione personale è stata proposta dal Questore Lucio PENNELLA e poi emessa dal Tribunale di Bologna-Sezione Misure di Prevenzione, e rappresenta la più afflittiva misura prevista dalla normativa di riferimento poiché prevede limitazioni alla libertà e un controllo stringente da parte delle Forze dell'Ordine.

Il destinatario è un italiano di 48 anni, residente nella provincia di Ravenna e noto alle Forze dell'Ordine perché pluripregiudicato per gravi reati contro il patrimonio e la persona, il quale, non rassegnandosi alla fine della relazione amorosa, si è reso autore di ripetuti atti persecutori nei confronti dell'ex compagna, nonostante fosse stato già colpito dal provvedimento di Ammonimento emesso nei suoi confronti dal Questore, a seguito dell'istanza presentata dalla vittima.

L'uomo, che già in passato era stato denunciato per comportamenti simili da una precedente fidanzata, ha continuato a perseguitare l'attuale ex compagna sia appostandosi presso la sua abitazione sia nei pressi del posto di lavoro, tanto che la scorsa estate è stato tratto in arresto da una pattuglia della Polizia di Stato perché colto nella flagranza della violazione dell'Ammonimento e successivamente nuovamente denunciato dalla vittima per le reiterate molestie commesse nei suoi confronti, attuate con pedinamenti, telefonate e invio di regali.

Appurata quindi la pericolosità sociale del soggetto si è resa necessaria l'applicazione della misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza accompagnata da alcune prescrizioni che il destinatario è tenuto a rispettare.

Infatti il 48enne per tutto il prossimo anno ha l'obbligo di non allontanarsi dal luogo di dimora senza preventivo avviso all'Autorità di Pubblica Sicurezza, di non accedere a pubblici esercizi e locali di pubblico intrattenimento, di non allontanarsi dalla propria abitazione tra le ore 20.00 e le 7 del mattino e soprattutto il divieto di avvicinarsi all'ex compagna, ai luoghi normalmente frequentati dalla stessa, l'obbligo di allontanarsi immediatamente se dovesse incontrarla casualmente e l'obbligo di non effettuare comunicazioni epistolari o telefoniche con la stessa.

Dunque, nel campo delle misure di prevenzione, la tutela delle vittime di maltrattamenti o condotte persecutorie non si esaurisce con l'Ammonimento del Questore ma è ampliata con la misura della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza, finalizzata a contenere persone ritenute di elevata pericolosità sociale e quindi prevenire la commissione di più gravi reati.

E' importante pertanto che le vittime continuino a segnalare alle Forze dell'Ordine comportamenti di violenza sopravvenuti dopo precedenti denunce sintomatici di una capacità criminale ancora persistente del soggetto.



Questo è un articolo pubblicato il 28-11-2023 alle 19:17 sul giornale del 29 novembre 2023 - 86 letture






qrcode