SEI IN > VIVERE EMILIAROMAGNA > SPORT
articolo

Bologna: ll Dall'Ara in estasi, Thiago Motta continua a far sognare il Bologna

2' di lettura
98

I felsinei vincono 4-0 in casa contro il Lecce e continuano la meravigliosa cavalcata europea, il pubblico del Renato dall'Ara in delirio


Altra grande partita del Bologna targato Thiago Motta, i felsinei non lasciano scampo al Lecce che al Renato Dall'Ara perde 4-0. Altra prestazione maiuscola dei ragazzi di Motta, il sogno europeo continua. E proprio il tecnico nel dopo partita commenta così la vittoria ai microfoni di DAZN.

Oggi dall'inizio l'avete gestita dall'inizio alla fine.
"Abbiamo fatto un'ottima partita. Durante tutta la gara siamo stati molto concentrati su quello che sappiamo fare e meritatamente abbiamo ottenuto una vittoria, che fa bene a tutti. L'atmosfera al Dall'Ara è stata fantastica".

Il gol del 3-0 è il manifesto del suo calcio?
"Mi prendo il merito dello 0,001%. Le decisioni le prendono loro in campo, sono i veri protagonisti di questo sport. Questo parte die ragazzi, che hanno voglia, qualità e giocano in un modo collettivo. Questo ci porta a vedere azioni bellissime come questa e altre".

Anche sull'errore che poteva portare all'1-1 di Krstovic, ha applaudito.
"Applaudo perché, quando facciamo bene queste situazioni, mettiamo in difficoltà l'avversario. La responsabilità non è solo di chi ha palla, oggi come la scorsa settimana contro il Sassuolo. Sarebbe facile oggi dire che sbaglia uno o l'altro, ma non è così. Uscire con la palla al piede serve per mettere in difficoltà gli avversari, non per l'estetica. La responsabilità è soprattutto mia, chiedo sempre di uscire palla atterra e serve coraggio per farlo".

Più vittorie di tutti in casa, al pari dell'Inter.
"Sono contento, perché sappiamo il livello del campionato e quali sono le nostre forze. Abbiamo tanto merito, nella prima giornata abbiamo avuto l'unica partita senza la sensazione di poter competere. Nelle altre abbiamo potuto competere con tutte le squadre, senza dimenticare i livelli. Noi abbiamo il nostro, altre sulla carta sono diverse".

Si è tappato le orecchie sul coro "Saputo portaci in Europa"?
"L'ho ascoltato e sono molto contento, il nostro presidente se lo merita. Grande entusiasmo al Dall'Ara e noi dobbiamo utilizzarlo per continuare a lavorare e lottare con ogni avversario. Ora riposto e poi testa alla Fiorentina: saremo pronti".





Questo è un articolo pubblicato il 12-02-2024 alle 14:52 sul giornale del 13 febbraio 2024 - 98 letture






qrcode