SEI IN > VIVERE EMILIAROMAGNA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Colla “Costruire un rapporto strutturale con la Corea del Sud”

3' di lettura
30

BOLOGNA (ITALPRESS) – Gli incontri al Kaist, l’Istituto Coreano di Scienza e Tecnologia avanzata e al National Supercomputing Center – due delle realtà più avanzate dell’Asia nel campo dell’Intelligenza artificiale e dei Big data – e alla Naver Corporation che gestisce l’omonimo motore di ricerca, definito “Il Google della Corea del Sud”, e il gemello digitale di Seoul.

E poi le visite al Daejeon Technopark, polo di innovazione specializzato nei settori dell’aerospazio e delle biotecnologie. E a Hyundai Motor, una delle principali case automobilistiche del mondo, tra le prime a investire massicciamente nei veicoli elettrici e a idrogeno. Continua e si avvia a conclusione la missione della Regione in Corea del Sud, tra la capitale Seoul e la città di Daejeon, considerata la capitale coreana della scienza, con l’assessore allo sviluppo economico e Relazioni internazionali, Vincenzo Colla, e la partecipazione delle Università di Bologna, Parma, Modena e Reggio Emilia; i Clust-Er, l’Associazione Big Data; Confindustria Emilia-Romagna; Aica (Associazione italiana costruttori auto attrezzature).

L’obiettivo, della visita – guidata nei primi due giorni dal presidente Stefano Bonaccini, rientrato prima per impegni istituzionali – è avviare e rafforzare le relazioni tra uno dei paesi a più alto tasso di innovazione al mondo quale la Corea del Sud e la Data Valley emiliano-romagnola. A partire dal Tecnopolo di Bologna, con il Supercomputer Leonardo, oggi il più potente d’Europa e uno dei primi al mondo e il Data Center del Centro Europeo per le previsioni a medio termine. Oltre alla prossima apertura della sede dell’Università Onu, dedicata a Big data e studio dei cambiamenti climatici e del Mit-Senseable City Lab del MIT di Boston con cui la Regione ha siglato un accordo per ospitare un distaccamento stabile.

“Con questa missione abbiamo voluto aprire un canale diretto per instaurare un rapporto strutturale con un paese che è il secondo al mondo per spesa in ricerca e innovazione- ha spiegato Colla-. Abbiamo incontrato, e invitato a venire in Emilia-Romagna, realtà di grande qualità, all’avanguardia nella ricerca nei settori di alta specializzazione a cui stiamo guardando per lo sviluppo futuro del nostro territorio, come l’aerospazio, le biotecnologie, i nano conduttori, l’agro-industria, l’intelligenza artificiale e i Big data. E ovunque abbiamo registrato un grande interesse per l’Emilia-Romagna e le sue eccellenze”. “Siamo la regione italiana con il più alto valore di export e numero di brevetti pro capite e un patrimonio manifatturiero molto sviluppato, grazie alla sua capacità di tenere insieme sistema pubblico e privato- ha aggiunto l’assessore-. In questi giorni abbiamo gettato le basi per accordi, collaborazioni, partenariati, scambi di esperienze e competenze che potranno consentirci di mantenere le nostre filiere nel mondo. Consolidare queste relazioni internazionali, sia istituzionali che industriali e accademiche, significa per noi guardare non solo alla qualità del nostro sviluppo ma anche delle nostre comunità, come garanzia di pace fra i popoli”.

Relazioni anche a livello istituzionale, che sono state al centro dell’incontro tra Colla e il vicesindaco di Daejeon, Chang Ho-Jong, che ha annunciato presto un viaggio nella nostra regione per definire un possibile gemellaggio. foto: ufficio stampa regione Emilia Romagna (ITALPRESS).



Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 28-03-2024 alle 11:46 sul giornale del 29 marzo 2024 - 30 letture






qrcode