SEI IN > VIVERE EMILIAROMAGNA > CRONACA
articolo

Parma: Borseggiatrice bloccata da una passante e poi arrestata, nei guai 32enne

2' di lettura
92

Mercoledì mattina , alle ore 11.00 circa, il personale dell’UPGSP, impegnato nel servizio di controllo del territorio, è intervenuto, su disposizione della Centrale Operativa, in Piazzale San Bartolomeo, per una segnalazione giunta sull’utenza 113, di  una lite tra donne.

La volante, giunta tempestivamente sul posto, notava immediatamente un gruppo di persone che aveva accerchiato le donne, una delle quali era stata bloccata dalle altre due. Allo scopo di ricostruire l’accaduto, gli operatori procedevano all’identificazione delle presenti, che rispettivamente erano una cittadina tunisina 49enne, una cittadina tunisina 45enne e una cittadina bulgara 32enne.

La 49enne riferiva ai poliziotti che mentre si trovava tra i banchi del mercato di Via Carducci, aveva riconosciuto una donna, la 32enne bulgara, come l’autrice di un tentativo di furto ai danni di un persona anziana, avvenuto qualche tempo fa sull’autobus della TEP. Senza perderla di vista, la donna aveva subito notato che la 32enne con fare guardingo per assicurarsi di non essere vista, inizialmente prelevava un indumento dal banco e, dopo essersi nascosta il volto, si avvicinava ad un’altra donna ferma , ovvero la 45enne, tunisina sua amica, e in modo repentino le apriva la cerniera dello zainetto, per sfilarle il portafogli.

Pertanto la 49enne, allo scopo di sventarne il borseggio si avvicinava all’amica urlando, per attirarne l’attenzione. La borseggiatrice, vistasi scoperta, cercava di allontanarsi velocemente e, una volta fermata dalla 49enne, allo scopo di guadagnarsi la fuga, cominciava a colpirla con calci e pugni, riuscendo inizialmente a divincolarsi, salvo poi venire bloccata definitivamente in Piazzale San Bartolomeo e consegnata ai poliziotti nel frattempo intervenuti.

Alla luce dei fatti, la 32enne bulgara veniva accompagnata in Questura, dove sottoposta ai rilievi foto-dattiloscopici da parte del personale della Polizia Scientifica veniva identificata per una cittadina bulgara 32enne gravata da precedenti di polizia per furto con destrezza: l’ultimo episodio dei predetti risale a luglio 2023.

Al termine dell’attività, la 32enne veniva arrestata per il reato di rapina impropria e su disposizione della locale autorità giudiziaria veniva trattenuta nelle camere di sicurezza della Questura, in attesa del rito direttissimo. In sede di udienza di convalida il giudice convalidava l’arresto e disponeva per la donna l’obbligo di dimora nel comune di residenza.

Nei confronti della donna, il Questore di Parma adottava la misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio e contestuale divieto di ritorno nel Comune di Parma per anni 4.



Questo è un articolo pubblicato il 19-04-2024 alle 11:17 sul giornale del 20 aprile 2024 - 92 letture






qrcode