SEI IN > VIVERE EMILIAROMAGNA > CRONACA
articolo

Modena: Giro di prostituzione in zona Musicisti: sette persone indagate

2' di lettura
76

Nella mattinata del 9 maggio scorso, la Polizia di Stato ha dato esecuzione all’ordinanza della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Modena, nei confronti di due cittadini italiani e cinque cittadini rumeni gravemente indiziati a vario titolo del delitto di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

L’attività investigativa, condotta dalla Squadra Mobile sotto la direzione ed il coordinamento di questa Procura, ha avuto inizio nel 2022 a seguito di segnalazioni da parte di alcuni residenti e ha consentito di acquisire fonti di prova in ordine alla destinazione alla attività di prostituzione di alcuni immobili situati in Modena. Per dissimulare quanto accadeva all’interno degli immobili, era stata apposta sulla porta d’ingresso la cartellonistica di un Centro di Assistenza Fiscale (CAF).

Le ragazze venivano contattate dai clienti mediante annunci inseriti su siti di incontri e gli appuntamenti venivano fissati presso uno degli immobili in questione.
I due cittadini italiani si occupavano del reperimento degli immobili, attraverso una fittizia intestazione dei contratti di locazione e la gestione degli adempimenti burocratici relativi agli stessi, per poi concederli in locazione a scopo di esercizio di una casa di prostituzione alle ragazze, sfruttandone l’attività richiedendo loro un canone di affitto superiore di gran lunga ai prezzi di mercato (300/400 euro settimanali).

I cinque indagati rumeni, invece, oltre ad intrattenere i rapporti con i due cittadini italiani ed a monitorare gli spostamenti delle ragazze per evitare di attirare l’attenzione del vicinato, incassavano parte delle somme derivanti dall’attività di prostituzione.

Nel corso delle perquisizioni domiciliari, all’interno dell’abitazione di uno dei due italiani sono stati rinvenuti e sequestrati 40mila euro in contanti.
Nell’ottobre 2022, nel corso dell’attività d’indagine, la Squadra Mobile aveva proceduto al sequestro preventivo di uno dei locali in questione in quanto durante un controllo aveva riscontrato che lo stesso era stato trasformato ad uso abitativo, ovvero in maniera difforme dalla sua destinazione d’uso, rinvenendo altresì materiale comprovante l’attività di prostituzione.
Sono in corso ricerche sia sul territorio nazionale sia all’estero volte al rintraccio di tre indagati.



Questo è un articolo pubblicato il 14-05-2024 alle 13:40 sul giornale del 15 maggio 2024 - 76 letture






qrcode